dal 1980 al 2000

SONETTI

1981 - Ascanio Scagnoli

Caro Santo, fratello del deserto,
ogni anno che ritorna la Tua festa
è un giorno di schiarita, a mezzo inverno,
della mia vita tessuta di dolori, di fatiche
ed ora di silenzi.

Mi si riempie l’anima di pace:
potrei dire di gioia, ma una gioia strana
che ha il profumo di rose lontane
ma anche il peso di lagrime amare
che non so asciugare.

Mi rivedo bambino
sulla groppa dell’asino tenuto da papà.
Mi rivedo, con gli anni, più grande
con la torcia in mano
ed il cuore colmo di speranze,
correre sotto un cielo carico di pioggia
nelle strade profumate di mosto e di preghiera
correre gridando, mentre passavi Tu,
come i ragazzi ebrei ai tempi di Gesù.

Rivedo la gente. Quanta gente!
Quante facce che non ci sono più!
Risento la banda a cavallo, le risate
e le campane (o le campane dei miei giorni lontani!).
Come impazzite di gioia, a tutte le ore,
riempiono il cielo, le vie, le case
ma soprattutto il cuore
di suoni, di pace, di amore.

Rivedo mamma più bella che mai,
benedetta dalla messa del mattino
gioiosa, mentre di fuori piove o tira vento
prepara cantando,
i profumati maccheroni a cento.

Caro Santo, fratello del deserto,
ora tutto è cambiato. E come è cambiato!
Le cose, le case,
le facce che non conosco più.
Chi correva, pregava, gridava con me
ormai è beato lassù.

Ora tutto è più bello. è vero!
Ma il sapore del pane, di una mela,
la gioia che mangiavo rosicando una ciambella
o bevevo a larghi sorsi nella rara fontanella
non la ritrovo più, o forse non esiste più.

Caro Santo, anch’io sono cambiato. E questo è peggio!
Me lo dicevo anche poco fa
guardandomi allo specchio.
Sono stanco, vuoto di desideri, di speranze.
Vecchio! tanto vecchio! come sei Tu!
Chi me lo avesse detto!...
Non so più reggere una torcia accesa in mano.
Non so gridare più come una volta!
E dentro soffro. Soffro come mai
perchè il cuore, questo cuore è tale e quale,
come quando bambino, in quella santa sera,
caddi da cavallo e non mi feci male.

Ora tocca a Te, caro Santo, fratello del deserto,
come risposta alla Fede, alla preghiera,
farmi luce nella fredda sera, la mia sera...
Voglio incontrarTi anch’io nel Regno Santo
con mamma, papà, gli amici di lassù.
Voglio gridare attorno a Te
ancora una volta insieme
come il fragore d’un tuono:
Evviva! Evviva! S. Antonio.

Don Giuseppe Boccetti

1982 - Francesco Santucci

Sant'Antognittu nostru montretunnese,
so' stati tanti quilli che t'hau poetatu
e n'onore Teu 'nsonittu hau fattu
mo pe' 'na grazzia, mo pe' n'aiutu, 'nsomma
pe' chiédete perdunu de li peccati sèi.

'Nmezzu a ssa schiera me ce so volutu mette pure io.
Lo saccio che 'nnanzi a Te 'nsò nisciunu
però a le prove ce so volutu ij.
Eccote qua allora stu sonittu, che sonittu nun è
perché la forma sea poetica 'nce la t'è.
Che t'ha da di, Sant'Antò: lu scrivo senza rima, co' lu core.

E l'ho volutu scrive, pe' recordacce
de quilli che – più bravi de me -
co' la rima e senza rima T'hau onoratu.
Te ne recordo quattro, cinque, ma fa cuntu che parlo pe' tutti.

Repenzo coscì a Menicuccio de' Coletto,
'nvignarolu che co' le rime ce sapeva fa.
“L'ha vistu 'mbè compà se ssò profeta”...
soscì Menicuccio principiava lu reccuntu séu
de la festa téa nel Novantanove. E giù 'na fila de festaroli:
'Ngrochittu, lu Contraccioccu, Muccittu, Campanella,
Bruciasomari e Checco de Cappella.
Fu issu, Menicuccio de Colletto, che lasciò lu proverbiu:
“Quann'era Sant'Antogno a 'stu paese,
tre ggiorni prima e otto ggiorni doppu
se magnava e se beveva de galoppu”.
Se bbeveva lo mejo vinu de Montretunnu
se magnavanu le ciammèlle a zampa, e po'
festaroli, fratelli , cavallari e torciaroli
ce ssé retrovava a la Brocculata.

Repènzo a Benedetto lu Professore,
vignarolu pure issu, che pe' li libbri 'bbandonò le vigne.
Pe' Te, Sant'Antò, scrisse 'npoema Benedetto
'ncomincianno co' le rime de 'n'atru poeta paesanu:
“Sant'Antonjttu montretunnese,
parente a zi' Boccone e a zi' Mappittu,
fa Tu la grazzia a stu poru paese
che s'è reduttu tantu poverittu”.

Tra li poeti che 'ssò vivi, repenzo a Cato
l'Avvocatu, che 'nsonittu te scrisse
sopra lu ggiornale de Montretunnu:
“Mo si remastu pe' li poveracci:”
- scrisse de te, Sant'Antò -
“chi è che scanserìa più li maiali
pe' baciatte 'sta tonica de' stracci?”

Repenzo pure a Ughetto lu bbidellu,
che parlanno a Te
de nui gristiani, ha fattu la romanzina.
Pe' urtimu repenzo a Don Giuseppe,
'nprete che sta a Montretunnu da doppu la guerra:
Pure issu, Sant'Antò, T'ha fattu lu sonittu:
vabbè, senza dialettu, ma è la medesima.
Te chiedeva de jutallu: vidi 'npo' Tu, mittice 'na mani!
Quale annu fa, pure io, senza dialettu,
pe lu festarolu lu volli scrive 'nsonittu.
Te recordi, Sant'Antò, quello che Te dissi
drent'a l'urtime du' strofe?:

“Dai la tranquillità a chi lavora,
perché le famiglie sian unite
anche là dove si bestemmia ancora.

Il monterotondese si rincòra,
che Santo Tu pari benigno e mite,
e Te invoca fino all'ultim'ora”.

Antonio Mancini

1983 - Adriano Federici

O Sant'Antonio, grande protettore,
il Tuo solenne esempio ci accompagni
lungo il cammino dolce dell'amore
senza incertezze e scevri da tiranni.

La compassione viva in ogni cuore,
libera le genti dagli affanni,
sazia la fame in nome del Signore
dove la guerra causa tanti danni.

E sia fatael il Tuo perfetto amore
al mondo indifferente alla giustizia.
Unisci, al senno umano la speranza

di un avvenire in nome del Signore.
O celeste mio credo, mia esultanza!
Sia la Tua festa... giorno di letizia.

Mauro Felici

1984 - Pietro Leonardi

Te vengo appressu, ch'ero 'nregazzinu,
sognanno fin d'allora 'st'occasione
sònanno sempre quillu ddammurinu
pe' tutti st'anni sempre 'nPrecissione.

E mo' che m'ero guasi rassegnatu,
pensanno ch'ero 'ndegnu de 'sta còsa,
che bbella contentezza me si' datu
quanno che sì venutu drento casa!

Portanno Luce, Pace e sigurezza,
umile Santu, piinu de bbontà,
già sto penzanno mo', a quanta tristezza
me lascerai quanno che Te ne va'!

Ecco perchè Te faccio 'sta preghiera,
prima che me soffoga l'emozione:
Parla co' Dio, che Tu ce tè manéra
e jutace a resorve 'sta questione.

L'amore pe' la vita e pe' la ggente,
quillu sorrisu che s'è persu a tutti,
che se faceva, senza spénne gnente
quanno se viveva 'ntempi brutti.

Mo' manca quella Fede de 'na vorta
a tanti grossi e a tanta ggioventù,
che bbruciano la vita, e nun je 'mporta...
Sant'Antognittu meu... pensace Tu!.

Ugo Angelini

1985 - Ernesto Pierpaoli

Pare che si' venutu ierassera
e 'nvece stémo 'nzeme gia da 'n'anno,
co' Te so fatta 'n'esperienza vera
e spissu tante còse me ddimanno!

Nun saccio come dilla 'sta gran' còsa,
che s'è provata stànnote vecinu,
ce si' cambiati tutti de 'sta casa:
da lu più vecchiu, a lu più regazzinu.

E' bbellu e commovente, quann'è sera,
che reddunati 'nturnu a Te preghemo:
sentì 'sta pora ggente, che in Te spera
che cambi le bbruttezze che vedemo!

Come facémo a di' d'esse gristiani,
se nui guardemo solu Montretunnu,
e nun vedémo chi stenne le mani
perché more de fame a 'natru munnu?

Tu, Sant'Antò, l'esempiu lu si datu!
Eppure tanta ggente nun ce crede!
Prima che tuttu sia remmoticatu...
...dacce 'na mani a retrovà la Fede!

Ugo Angelini

1986 - Luigi Zaccaria

Divo Antonio, gran Santo del deserto,
l'evangelico consiglio Ti attrasse
da lasciar tutto e a chi volesse
seguir Tue orme, davi ogni conforto.

Tu, fido testimone del Vangelo,
dall'umile rifugio solitario
grandi virtù, amore e gaudio
gioioso ognor pregavi e pur con zelo.

Tu, mite Antonio, patrono amato,
proteggi sempre e, sì, da mane a sera
giovani e vecchi, deh, guarda con amore

e chi da fervida mente e dal buon cuore
a Te rivolge piena una preghiera
fiducioso, umile e affannato.

Volpari

1987 - Averaldo Sciacquatori

La prima vorta quanno sì venutu
ner sessantuno a casa de papà,
ero munellu e nun avria creduto
quello che 'nzeme a Te, se po' provà!

So' già venticinquanni, da 'llu ggiornu
e pe' recordà sempre 'stu momentu,
papà e nui de famija tutti 'nturnu
co Te, emo fatte le nozze d'argentu.

Lu bellu, dura pocu...! Tu va' via,
e nui rempiagneremo 'st'urtime ore
ch'emo passate 'nzeme 'ncompagnia

e li recordi c'hau toccatu 'rcore
da quanno da 'sta casa 'nnassi via...
pe' portà all'atre case...Pace e Amore!

Ugo Angelini

1988 - Sergio Ortenzi

Te vojo parlà, pure se 'n sò bbonu,
tantu de me capisci tuttu quantu,
e rengrazziatte tantu de 'stu donu:
d'èsse reentratu drento casa, o Santu!

Papà Te portò quà la prima vorta,
d'allora tanta ggente cià lasciatu
co' contentezza 'rreto a quella porta,
mamma 'nzeme co' mojema ho trovatu!

Ma Tu sì sempre quillu de 'na vorta,
Te vojo tantu bbene, o Fraticellu!
Dacce la pace, l'atru nu'mme 'mporta,

Tu che sì scertu d'esse 'n poverellu
pè dà l'esempiu a ggente che n's'è 'ccorta
che 'bbasta pocu a fa 'n munnu più bellu!

Ugo Angelini

1989 - Aldo Balzanelli

Quantu Te so' 'spettatu!...

Pareva che 'stu giornu nu' 'rrivasse,
ma era decisu da tant'anni fa.
A lu momentu giustu si venutu
drento a 'sta casa a dà felicità

De 'la partenza l'ora se 'vvecina,
guardo la Statuetta e lo capiscio.
Tu me si datu tanta gioia e amore,
Te tengo drent'ar core, nu' Te lascio.

Ma prima che Tu parti da 'sta casa,
io 'nginocchiatu, faccio penitenza:
no' pe' le guerre, distruzioni, fame,
o pe' sarvà la vigna o la semenza.

Te chiedo 'nvece, de' falla fenita
a tuttu quillu che ce stà quaggiù.
Droga, sopraffazioni, mali strani
stau distruggenno tanta gioventù.

Tu, che po' tuttu, e Dio gnente Te nega,
dà 'na pulita a tutta 'ssa 'munnezza.
E' Aldo Balzanelli che Te prega,
de dà a 'stu munnu... 'ncora 'na carezza!

Aldo Balzanelli

1990 - Ferdinando David

Venticinquant'anni fa', Te festeggiai!
E 'ncora me recordo l'emozione
quanno che da la cchiesa Te portai...
pe' lu paese vecchiu, 'nPrecissione.

Recordo ggente che se 'nginocchiava
quanno passavi 'nnanzi a lu portone;
vall'appensa' che po' Te rennegava
pe “trentra scudi” a 'n'atra religgione.

A Te, che sì vissutu da eremita,
e che sì renunciatu a le ricchezze,
nui nun sapemo quello che volemo!

O Santarellu, dacce 'na sentìta,
perdonace le tante debbolezze...
e facce ave' la Fede che 'n'tenemo.

Ugo Angelini

1991- Giovanni De Santis

Che avvenimentu!... n'Santu drento casa!
Pure pe' 'n anno è bellu esse signore:
te senti repagatu de l'attesa,
è un'emozione che te tocca 'r core,

Quist'anno come 'n ventu se n'è itu,
e quantu me rengresce 'n ce sse crede;
da quanno che stà a casa so' capitu
ch'è tantu bbellu... avecce 'npo de fede!

Quella che a nui ce manca e ce 'lludemo,
currenno sempre appressu all'ambizione.
Iutace Tu... prima che ce perdemo
'nmezzu a le strade de la corruzione.

Tu, che sì 'ngrossu Santu, e 'nte' pretese
e ogni anno cambi casa de gennaru.
Sténni 'na mani 'ncima a 'stu paese,
o Sant'Antogno nostru bbono e caru!

Giovanni De Santis

1992 - Luciano Orsolini

IERI – “La Notte de Sant'Antogno”

Quella nottata llà, Sant'Antognittu
smaniava già pe' li festeggiamenti
che tutti quanti fau a 'stu Vecchittu,
che ce protegge tutti li momenti.

Ma 'nvece, pròpriu llà 'nmezzu a la sabbia,
'ndove aveva sconfittu lu Demogno,
arecicciò co' tutta la sua rabbia
lo male che 'nvoleva Sant'Antogno.

Se 'lluminò lu celu da le bombe
e, tuttu cominciò a zompà pell'aria;
la terra se riempì de tante tombe,
vedove, struppi, orfani e malaria.

E bbravu l'omo! Che ha recominciatu
pe' mano sia de Busce e de Saddamme
A RESPARASSE ADDOSSU!
pe' difenne la causa (ma 'nn'è viru)
che dice de proteggese tra amici.
Però, la conclusione è una sola:
hau refattu la TERRA PE' LI CICI!

OGGI – “La Storia continua”

E la storia continua! Dòppu un anno
c'è ancora tròppu fòcu tra li Stati:
Se scannano li Serbi e li Croati
e nun so pròpriu come finiranno.

In Russia c'è 'na fame che li 'mmazza;
la droga cresce co' li delinguenti;
Mafia, Camorra, 'Ndrangheta, tangenti,
'nse ne po' più! Mannaggia la pupazza!

Sant'Antognittu! Santu de lu munnu!
Ma 'ndo jamo a fenì a 'sta manera?
Ce 'rriveremo a vedè la sera?
Perchè, stemo a toccà pròpriu lu funnu!

Mo, nun se tratta più de carestia,
de protezzione versu lu raccòrtu;
'stu munnu se 'ncambiemo e bell'e mòrtu;
aiutace Te prego! A scappà via
da 'stu vicolu cècu senza uscita,
e retrovà lu gustu de la vita.

DOMANI?! – “Come finirà?”

Se rischia gròssu, e nun ce ne 'ccorgemo!
Sant'Antognittu nostru benedittu!
Io penzo che se nui nun cambieremo
ce resterà l'oiacciu de lo frittu!

Secondo me ce vò la volontà
de lascià pérde tutte l'arbaggie!
Dovemo cambià paggina e svortà;
scordannoce potere e gelosie.

Come Te ce ne andremo a lu desertu
che pe' mò ce porteremo drento 'r core
e recominceremo, ne so certu
a parlà de ggiustizzia, pace e amore.

Ricresceranno tutte le foreste;
se 'ttaperà lu bucu dell'ozono;
sconfiggeremo questa nuova peste
che turba lu penzieru d'ogni omo.

Speranno che nun resti solu un sogno
nui Te preghemo tutti, oh Sant'Antogno!

Alvaro Fiocchetta

1993 - Enrico Mancini

Semo passatu 'n anno tantu bellu,
ma chi 'n ce passa nu lo po' capì
quello che te po' fa 'stu Santarellu,
spece la sera prima de dormì!

Quanno che tutti 'nzeme lu preghemo
ce fa sentì 'nsocché drento a lu core!
Quanno ce lascerà je chiederemo...
che pe' lu munnu dasse pace e amore!

'Ndo l'innocenti moru pe' la guerra,
'ndo le griature 'n tengu lo magnà,
lla 'ndo lo male e la violenza abberra.

Oh Sant'Antogno facce retrovà,
la vera fratellanza pe' 'sta terra...
quella che c'era tantu tempu fa!

Ugo Angelini

1994 - Ulderico Amadio

Bazzichi casa che sarau cent'anni
pe' tutti nui si' come 'n antenatu,
Tu che de nui sa' tuttu “gioje e affanni...”
eri de casa quanno n'ero nnatu.

T'emo portatu tutti 'n precissione
sia lu BISNONNO, NONNO e po' PAPA',
e io “munellu e piinu d'emozione...”
quanno TE cce portai vent'anni fa!

Mo restà a casa e revivemo 'n sogno,
ma l'anno passa e 'rriva quella sera...
ma prima che ce lasci o SANT'ANTOGNO,

prima che ce diventi 'na chimera,
stenni le mani lla 'ndo c'è bbisogno...
che DDIO da TE la sente 'sta preghiera!

Ugo Angelini

1995 - Adriano Federici

Vorria di' còse nove, ma la mente
m'ha reportatu a quanno picculittu
'rrivassi co' Papà e tant'atra gente
a casa nostra, o Santu benedittu.

Nun l'ho scordatu mai quillu momentu,
speranno de revivèlu da grossu
pure se si trovatu 'n cambiamentu,
de la famija, ognunu sì commossu.

Però l'anno è passatu! E Tu va' via...
lasciannoce 'n gran desolazione
tecce lontana la malinconia

e Te chiedemo come 'n orazione...
de facce sentì amici fra gristiani...
nun ce fa perde... tecce pe' le mani!

Ugo Angelini

1996 - Giuseppe Torri

Che anno il '68! Per la prima volta,
nella nostra casa Tu sei venuto,
in mezzo a tanta folla che acclamava,
contenta “de gridà” il nome Tuo.

E Tu, da grande Santo quale sei,
con veemenza ci sei entrato dentro,
il petto si è fatto colmo d'emozione,
e della Fede vera, ci hai riempito il cuore.

E quest'anno! Che gioia immensa,
quando sei tornato. Riuniti alla Sacra Statuina,
ci siamo sentiti una famiglia intera:
noi in terra, con Edelio in cielo, vivo come prima!

Oh Sant'Antonio, grazie!
E dal profondo del cuore, una preghiera:
illumina la mente dei “lontani”,
e in noi, rinvigorisci la Fede, quella vera!

Giuseppe Torri

1997 - Pericle Calvaresi

Società sedimentata affonda
nella virtualità dei suoi bisogni
e come spuma di sferzata onda
affoga inerme in scellerati sogni.

Quante volte io penso oh Divino!
a questo mondo splendido e totale.
Però mi accorgo che lungo il cammino
è diventato arido e letale.

Dalla sua vanità e sofferenza
risplenda alta la Tua eterna Gloria.
Libera il mondo dall'indifferenza!

Oh Taumaturgo! Santo degli armenti!
Ricorda all'uomo, che la sua vittoria
è riscoprire i veri sentimenti.

Mauro Felici

1998 - Gastone D'Angelo

Errando per il mondo vorrei andare
a ritrovar la fonte di cotanto male,
come facesti Tu, o Santo Anacoreta,
che verso siffatto mal fosti gran profeta.

Oggi il coraggio manca per spogliarsi di tanti beni,
ricordando l'esempio Tuo, e pensare che son terreni,
l'uomo dovrebbe avere meno pensieri in testa
e valori più importanti accompagnati da altre gesta.

Poni rimedio alcuno, per Tua intercessione,
a quella che oggi al mondo è grande confusione,
fa sì, che la devozione nostra Ti sia gradita,
e buono uso se ne faccia, per elevar la vita!

Gastone D'Angelo

1999 - Flavio Santucci

Tu, Santo degli umili e dei sofferenti, lassù nel cielo
intercedi ancora perché qui si spenga il fuoco dell'odio
e siano sconfitti i mali della terra:
furto, egoismo, inganno, sete di potere e di ricchezza.

Che ogni uomo sia vicino all'altro, anche se vecchio, brutto
o malato, fa sentire noi tutti come fratelli anche se bianchi,
neri e non belli, che finalmente nel terzo millennio
la pace interiore domini i cuori.

Tu, Santo degli umili e dei contadini,
con la preghiera e la parola traesti a Te tanti volti perduti
ed il Signore Ti ha dato la forza di guarire molti mali,
di vincere il peccato ed il suo autore.

Lode a Te, Signore dei Cieli, per il dono di un Santo
che nel nome Tuo lasciò agi, fama e ricchezza,
per la salvezza del vicino e del lontano:
anche il Buon Dio usa le mani degli uomini.

Santo degli umili, prega per noi.

Anna Maria Seminara

2000 - Roberto Felici

Pe' Montretunnu me ne 'nnavo a fa' 'n girittu
quanno 'ncontro 'n festarolu co lu fiju, che me fau...
“Aò!!! Perché 'n ce provi tu a scrive ssu sonittu?
Io?! A scrive lu sonittu!?!
Me so sentito tuttu emozzionatu...
e mo che dico ancora de 'stu Santu?
In tanti anni, tutto hau reccontatu.
“Stu Santu a casa mea c'è statu
quanno fiemu era 'ncora 'n munellittu,
e mò pe issu è che è revenutu,
issu, che è 'n'omo fattu e io... 'npò vecchittu”
...”Mo si, ma da munellu,
co quell'ali da 'ngiolittu “ppiccicate”,
ero contentu sì, ma nun capivo più de tantu...
nun capivo la 'mportanza de 'stu Santu,
ma mò, co' tanta fede e convinzione
la sento forte 'n core st'emozzione
de tene' 'stu “vecchiarellu” dentro casa
come se fusse revenutu nonno
e quanno senti che te sse stà a sbragà lu munnu
va lla da issu... vicinu a la credenza,
je ccenni 'na cannela, je dici ddu preghiere e je fa 'na confidenza

e gia te pare tuttu sistematu...
te senti pronto... po' ricomincià da capu...”.
Ma buttanno l'occhi pe' lu munnu
lo male, purtroppo, è sempre tantu...
la droga, le guerre e li sterminii
li terremoti, le pesti e l'alluvioni...
Sant'Antò, insieme all'artri Santi,
rimbocchemoce le maniche, jutemo tutti quanti!!!
L'anno che è fenitu è statu 'n po' speciale... dicu,
ce stavano tre nove, e che portava male.
Ma mo ce semo! Ecco 'r dumila!!!
L'anno de la Grazia e de lu Giubbileu.
Sant'Antò, te rinnovo la preghiera 'n core meu
va 'n giru pe' lu munnu e leva 'n po' de pene...
Gira, gira pe' lu munnu, ecco 'r dumila!!!
Ma a nui de Montretunnu, che te volemo bene,
ajutace da subbitu, nun ce fa fa... la fila!!!

Rolando Camilli