dal 2000 ad oggi

SONETTI

2001 - Carlo Ortenzi

Da tantu tempu è che lo volevo
e mò, quist'anno, issu ch'è rrivatu...
Sant'Antognittu meu, sii benvenuto!
Entra a vedè come so preparatu!

Guarda qua sopre che bella tovaja!
Guarda che belli fiuri e le cannéle!
Ce stanno pure le ciammelle a zampa
e, pè chi vò, ce sta pure da bbeve!

Finarmente stà qua, a casa mea
e 'na preghiera m'esce all'improvvisu,
come fu quella vòta su a Bressanone
che stavo pè vedè lu Paradisu:

me so svejatu pienu de doluri,
sbattuto come fussi 'n canavacciu,
fu allora che pregai: “O Sant'Antonio,
aiuto! Nun lassà 'stu poveracciu...”

Mbèh, ecco qua. Mo so guasi trent'anni
da quillu giorno che nun scordo mai.
Ciò tanti amici, sò missu su famija,
come tutti sò avuto gioie e guai.
Chi penza che la vita è 'n libbru scrittu,
perché è da principiu stabbilita,
sbaja. Io 'nvece gredo che 'n miracolu
la po' riddà seppure è già fenita!

E vui, parenti e amici convenuti,
pregate 'nzeme a me, qua c'è n'amicu.
C'è 'n Santu ch'è venutu da lontanu
a 'ssa statuetta de legno de ficu.

Luigino Cataldi

2002 - Fabio Ortenzi

L'amore è 'n sentimentu universale,
che ce tenemo come eredità,
è l'unica speranza che remane
pè sarvà 'ncora questa Umanità.

Ricchi, potenti, gente disperata
pensanu solamente a litigà!
L'acqua se sciuga e... 'n ze ne so' accorti,
che senza amore, nun ze po' campà.

Faje capì, a tutti li Potenti,
che nun serve a gnisciunu la Jihàd,
pè stà vecinu a Dio d'ogni “colore”
basta più tolleranza e carità.

Co tanti Santi che stau 'n Paradisu,
Te chiederai perché lo dico a Te!
Perché, Tu si capitu l'animali
e so' contenti de stà 'nzeme a Te.

Perciò, indegnamente, io Te prego,
'ntercedi contro ogni fanatismo!
Fa che 'gni razza, viva er proprio “Credo”,
senza più guerre e senza terrorismo.

Mauro Felici

2003 - Ugo Ginesi

O Sant'Antonio Nostru, ben tornatu!
So' tant'anni che te festeggemo a Montretunnu
e si sempre lu benvenutu e tantu amatu.

Tu si lu Protettore de' tutti l'animali,
e pure nostru che semo Gristiani,
fatti da Dio co' le stesse mani.

Quante miserie e quante crudertà,
quante 'ngiustizie e quanta povertà
pesano oggi su' st'umanità!

Stemo sempre co lu telefoninu 'n mani,
ma ce scordemo de strignele 'sse mani,
a chi ce t'è bisognu, e chiede carità.

Tu che 'sta' vecinu a lu Creatore,
dije pè tutti nui, quello c'ha da fa'.
Che stennesse le mani e caccia via
chi vo' le guerre, miseria e crudertà.
Cancella dei Potenti, l'orgoijo e la follia.

Quesse so' cose che ce fau scordà,
d'esse Gristiani e de volecce bene.
Solu preganno tuttu po' cambià,
p'aretrovacce 'npace e tutti 'nzeme

Ugo Ginesi

2004 - Giuliano Federici

La Tua essenza, carica e vitale
racchiusa in quel “ramo” troppo stretto
si sprigiona forte come temporale
a ricordare all'uomo d'esser retto.

Volano i giorni con Te così vicino
e arriva doloroso quel momento,
il tempo s'è ridotto a lumicino
un battito di ali: si è già spento.

La Luce del Tuo amor non è chimera
perdona questo pianto; è solo gioia
Ti supplica quest'uomo in umile preghiera.

Oh Sant'Antonio! Taumaturgo protettore
continua a benedir gli armenti
e a chi la Fede ha perso, riempi il cuore.

Alessandro Massimi

2005 - Bruno Benzi

Io devo ringraziarTi, Santo caro,
per avermi concesso quest'onore.
AverTi avut'accanto 'n anno 'ntero,
è come aver vissuto nell'Amore,

con Te! Con una gioia prorompente,
che lentament'è scesa nel mio cuore.
Per ricordarmi sempre giornalmente,
che con la Fede tutto può cambiare.

Anche se s'è sofferto un gran dolore!
La sofferenza appena consumata,
diventa immensa pace nel Signore.

Perciò intercedi con la Tua sapienza,
fa' che l'umanità, sì disperata
scopra il valore della sofferenza.

Mauro Felici

2006 - Fernando Felici

Da munellittu, co' 'na canneletta,
già Te venevo appressu 'n Precissione!
Qua c'era solu la “bullicaretta”
a Montretunnu 'ncima a lu sperone.

Te so' spettatu tantu e nu' speravo
de passà 'nzeme a Te l'anno più bellu.
Me si jutatu, quanno Te pregavo,
o Sant'Antogno nostru poverellu!

Quanno co' la torciata 'n Precissione,
'rrivati versu la bullicaretta,
me so' revistu come 'na visione:

'llu munellittu co 'lla canneletta
che mo, 'nvecchiatu e piinu d'emozione...
portava drento casa la Statuetta!

Ugo Angelini

2007 - Umberto Silvestri

Certe notti faccio un sogno
poi, di giorno lo dimentico.
Oh Frate, gran nemico dell'eretico
Ti prego ascolta il mio bisogno.

Rifuggi la mia paura a ricordare
quel che da sopito non so' trattenere.
La coscienza ammonisce libera dal sapere,
“per la salvezza eterna, basta amare!!”

E Tu sommo maestro dell'amore,
ascolta di ognuno il proprio lamento,
e infine scortalo al cospetto del Signore.

Diffondi la fratellanza nell'intero mondo.
Tu che osteggiasti il demonio con onore,
Ti prego rifuggilo, dall'amato Monterotondo.

Umberto Silvestri

2008 - Emilio Di Francescantonio

Un anno fa, secondo tradizione,
a lume di torce e tra gli spari,
tra gli evviva rochi dei Torciari,
Ti portai a casa, pieno d'emozione.

Ed anche in paradiso, da Papà,
col Santo “vero” al tavolo d'onore,
si festeggiò l'evento con fervore:
“ciammelle”, vino e la 'rieccocequà.

Tra non molto, la separazione,
nella Casa di Dio, piena di luce,
la consegna ad un altro “padrone”.

Mi distacco da Te con gran dolore,
ma portandoti sempre dentro al cuore,
Ti pregherò con confidente amore.

Aldo Fossati

2009 - Lucio Gesti

Era 'nghieciassette de gennaru
quanno come meccanichittu lavoravo
a n'certu puntu... pe la Circonvallazione
Te viddi... e fu granne l'emozzione.

Da quillu ggiornu nacque 'ssa divozione
e Te so' venutu 'ddietro 'ncavarcata, torciata e Precissione
ma, tu lo sa', quant'atre vote t'ho pregatu
e Tu Sant'Antognittu meu, ce si sempre statu.

Da quanno che me fu communicatu
lu tantu attesu annu che t'avrìa ospitatu
ho chiamato a redunu le munelle
e mojema ha 'ncominciatu a 'mpasta' le ciammelle.

Che onore ospità 'stu Santu co lu saju
a casa mea... de 'n semplice operaiu
'sta gioia me vojo gòde pe lu tempu che me resta
perché mo so' 'nSignore, ma solu pe 'ssa festa.

Ugo Angelini

Tu Santo, Taumaturgo ed Eremita
sì lasciatu tutto pe' datte a nova vita.
Qua, l'ommini, lo sa' 'nsiguo st'esempiu
ma tuttu fau, pe' 'rrivà a lu scempiu.

Pe nui remani comunque l'espressione
de chi protegge le bbestie e le persone.
E sì, tra l'animali e l'ommini, 'nvedo tanta differenza
pe' quissu 'nvoco Te, co' fervida coscienza.

Da quanno sì 'rrivatu drento st'umile dimore
'n anno è passatu e ormai è 'rrivata l'ora
che se rennova 'ssa lunga tradizzione
e Te reporta via, stasera, 'nPrecissione.

Ma nun so' triste... solu emozzionatu
ripensanno a tuttu quillu che ce si datu
a me, a la famija e a tuttu Montretunnu
che strilla 'nzeme a me...
EVVIVA SANT'ANTOGNO!!!

Tu, che po' tuttu, e Dio gnente Te nega,
dà 'na pulita a tutta 'ssa 'munnezza.
E' Aldo Balzanelli che Te prega,
de dà a 'stu munnu... 'ncora 'na carezza!

Rossana Gesti

2010 - Franco Cerasa

Pure quist'anno revad' a cavallu!
Porto la Statuina de lu Santu.
Sopra'ncavallu biancu: lu più bellu!
Nun po' sapè si quantu so' contentu.

E' 'na giornata piena d'emozione,
un anno'nzeme passatu a pregà.
Lo sacc'è tempu perzu! Te ragione,
chiedeTe de sarvà 'st'umanità.

Nun basta strill'à 'vviva Sant'Antogno!
pe' cancellà li mali de la terra.
Me pare de sentitte! E come 'nsogno,

Tu me dici: “Franco! M'ha da crede!
Fin'a quann'a 'stu Munnu c'è 'na guerra,
se po' sarvà soltanto... co' la Fede”.

Mauro Felici

2011 - Domenico D'Ortenzio

Un anno 'nzeme a Te è già passatu
e prestu uscirai da 'stu cancellu,
ma tuttu quillu che Tu ce sì datu
nun se po' descrive, tantu è bellu.

Me sì fattu conosce còse nove
e quillu che significa lo crede,
è 'na montagna ferma che se move
soltanto co la forza de la Fede.

A casa nostra, sempre tanta gente,
sia li parenti, che l'amici cari e l'atri
che nun conoscevo mancu pé gnente.

Jutace, o Santarellu, dacce 'na mani
a facce passà 'ngiorno tantu bellu
e indicace la retta via de lu domani.

Ferruccio Lanza

2012 - Sandro Alessandri

Quant'anni semo 'spettatu 'stu momentu,
co' la paura che nun ce venivi...
papà teneva 'stu presentimentu
però Tu sì 'ngran Santu e ce capivi!

Sarémo pure “cani... che 'bbajemo”
Tu che de' le bbestie sì lu protettore,
l'eri capitu, che nui nun “mozzichemo”
e 'ncambiu ce si datu pace e amore!

Quantu l'ho sospirata 'sta gran còsa...
però... papà me manca 'stu momentu!
Quist'anno m'è volatu come 'nsogno

co' tutta la famija drento casa.
Papà, già 'ndo starà, sarà contentu
che a casa nostra... è entratu Sant'Antogno

Ugo Angelini

2013 - Arduino Pierpaoli

Lu desiderio
che tenevo da munellu s’è avveratu,
e drento casa mea te sò portatu.

Pé n’anno sò statu “festarolu”
ma da ‘na vita me sento “confratellu”.
Sant’Antò, ‘nzeme a Te sò sempre statu,
ma a casa mea nun eri mai venutu.

Mò sì ‘rrivatu e a nui e a ‘sse munelle
tanta Fede sì portatu,
ce si datu un’emozione che n’avevamo
mai provatu.

Tante còse quist’annu sò successe
ma co Te è stata ‘na volata a superalle.
Mò, che tra ‘npò da ‘sta casa te ne và
lasciace forza pe campà.

Porta via tutta ‘sta canaja
che ‘nturnu a nui se stà a formà,
ce lascia senza fiatu
e nun ce fà più campà.

Tu lo pò fà.
dacce speranza che ‘stu munnu pò cambià.

Arduino Pierpaoli

2014 - Alessio Scipioni

Ho ricevuto un immenso dono!
Che pensavo fosse solo un sogno.
Grazie a Te, se sono quel che sono
cresciuto sempr'a pan'e Sant'Antonio.

Grande Santo! Fratello mio maggiore,
ho conosciuto con Te la “Santa” gente,
M'hai dato intimità con il Signore
che guarda tutti noi benevolmente.

Immersi ora, nella grande crisi
di pace, di lavoro, d'indigenza...
Vicini a Te, uniti! Mai divisi,

saremo messaggeri di speranza,
con una Fede “cieca”, più decisi!
Certi della Divina Provvidenza!

Don Pietro Belloni

2015 - Sergio Suadoni Lucidi

Vorrei fermare le ore e i secondi,
ma restano solo ricordi profondi,
da quando io e mamma T'abbiamo accolto
il tempo d'attesa... s'è come dissolto.

Vorrei, davanti a Te, umile restare,
onorarTi Gran Santo e pregare,
per ringraziarTi dell'anno passato
e per quello che Tu m'hai donato.

Vorrei ancora rivivere un sogno,
lasciare spalancato il mio cuore
all'incontro con Te, o Sant'Antogno.

A Te, Fratello Santo, messaggi d'amore
affido e raccomando chi nel bisogno
a Te si rivolge con fede ed ardore.

Alessandro Massimi

2016 - Antonio Spinosi

Vorrei fermare le ore e i secondi,
ma restano solo ricordi profondi,
da quando io e mamma T'abbiamo accolto
il tempo d'attesa... s'è come dissolto.

Vorrei, davanti a Te, umile restare,
onorarTi Gran Santo e pregare,
per ringraziarTi dell'anno passato
e per quello che Tu m'hai donato.

Vorrei ancora rivivere un sogno,
lasciare spalancato il mio cuore
all'incontro con Te, o Sant'Antogno.

A Te, Fratello Santo, messaggi d'amore
affido e raccomando chi nel bisogno
a Te si rivolge con fede ed ardore.

Alessandro Massimi

2017 - Mario De Battistis

Sant'Antò! Da quantu Te 'spettémo!
Quist'annu finarmente sì 'rrivatu!
Co' tanta devozzione T'accojémo
drento 'sta casa, che T'ha sempre amatu.

Che Te chiedemo? Solu tanta pace
pè 'sta casa e pè lu munnu tuttu;
certu, 'npò de salute nun dispiace,
più jamo avanti e più ce sta lo bruttu.

Tu, Sant'Antò, sì 'nzegnatu l'amore,
l'umirtà, la pazzienza e l'ideali!
Tanta la fede Téa pe' lu Signore,

che Tu, sì amatu pure l'animali.
Aiuta tutti a oprì lu core;
recordace, che... sèmo tutti uguali!

Alvaro Fiocchetta

2018 - Emanuele Simeone

Sembra solo ieri! E' passato un anno,
da quando “bussasti” alla nostra porta,
e in lacrime Ti accogliemmo in casa,
dove portasti tanta Fede e gioia, a me,
a mia moglie e ai miei due “gioielli”.

Poi tanta salute: “una canestra rasa”,
per mamma e papà, le ore più belle.
Ora che a malincuore Ti devo salutare,
o Grande Taumaturgo Sant'Antonio,
restano indelebili tantissimi ricordi.

Nei miei occhi, la luce dei fuochi
che Ti illuminano, le torce fumiganti,
le grida degli amici in Tuo onore,
il profumo delle “ciammelle a zampa”,
l'odore mistico d'incenso nella Chiesa,
poco prima di tenerTi in mano.

Eccola! “sbrelluccica” la Sacra Statuina,
l'immagine più bella e sempre amata,
tanto da sembrare tutto un sogno,
dal quale non saprò destarmi più.

Con il cuore gonfio di emozioni,
e immagini, che mai cancellerò,
scende una lacrima argentata,
che prima di asciugarsi al vento
Ti sfiora, e la raccogli solo Tu.

Maria Cristina e Margherita Simeone

2019 - Moreno Marroni

L’odore dorce de ciammelle cotte,
’nprofuma tutta l’aria a ’stu Paese,
che pè Sant’Antogno ’llumina la notte,
da più de ducent’anni co' le torce accese.

Solu pe Te, che sì Beato tra la gente,
li Cavallari tutti prunti a batte sella,
la vera Fede è recicciata finalmente,
sò più ricchi li portuni de mortella.

E quanno dico: ma che stò a sognà?
me pare de vedette, Fratellu Antogno
fora de casa méa, già pruntu pè bussà…

…me svejio lestu lestu da ’stu sogno…
’ddu lacrime de gioia... scignu piano:
benvenutu a casa, amatu Sant’Antogno!

Alessandro Massimi